venerdì 29 maggio 2020

REVIEW PARTY: Hunger Games - Ballata dell'usignolo e del serpente di Suzanne Collins

L'AMBIZIONE LO NUTRE, LA COMPETIZIONE LO GUIDA, MA IL POTERE HA UN PREZZO


È la mattina della mietitura che inaugura la decima edizione degli Hunger Games. A Capitol City, il diciottenne Coriolanus Snow si sta preparando con cura: è stato chiamato a partecipare ai Giochi in qualità di mentore e sa bene che questa potrebbe essere la sua unica possibilità di accedere alla gloria. La casata degli Snow, un tempo potente, sta attraversando la sua ora più buia. Il destino del buon nome degli Snow è nelle mani di Coriolanus: l'unica, esile, possibilità di riportarlo all'antico splendore risiede nella capacità del ragazzo di essere più affascinante, più persuasivo e più astuto dei suoi avversari e di condurre così il suo tributo alla vittoria. Sulla carta, però, tutto è contro di lui: non solo gli è stato assegnato il distretto più debole, il 12, ma in sorte gli è toccata la femmina della coppia di tributi. I destini dei due giovani, a questo punto, sono intrecciati in modo indissolubile. D'ora in avanti, ogni scelta di Coriolanus influenzerà inevitabilmente i possibili successi o insuccessi della ragazza. Dentro l'arena avrà luogo un duello all'ultimo sangue, ma fuori dall'arena Coriolanus inizierà a provare qualcosa per il suo tributo e sarà costretto a scegliere tra la necessità di seguire le regole e il desiderio di sopravvivere, costi quel che costi.

RECENSIONE:
La scrittrice in questo libro ci fa conoscere meglio Coriolanush Snow, un personaggio che sicuramente non è passato innorservato nella trilogia Hunger Games.

giovedì 28 maggio 2020

REVIEW PARTY Una bambina perduta di Torey L. Hayden

Jessie ha nove anni ed è la classica bambina perfetta, capelli rossi, occhi verdi, sorriso accattivante. Ha un vero talento per disegnare e i suoi disegni sono dei ghirigori complicatissimi. Ma Jessie è anche abilissima a ottenere sempre quello che vuole, mentendo, urlando e picchiando gli altri bambini. I genitori non sanno come prenderla e gli assistenti sociali non riescono a combattere i suoi impulsi violenti e autodistruttivi. Dopo una serie di passaggi in istituti vari, Jessie riceve finalmente una diagnosi di «disturbo reattivo dell'attaccamento», tipico di quei bambini che non possono instaurare dei legami di fiducia con gli adulti che dovrebbero occuparsi di loro. Viene chiamata Hayden in qualità di psicologa per avviare una terapia. Ma quando Jessie lancia un'accusa gravissima verso un collega di Hayden, il suo lavoro raddoppia: non solo deve cercare di andare alla radice dei disturbi di Jessie, ma anche capire se quel che dice la ragazzina ha un fondamento di verità. "Una bambina perduta" è una commovente testimonianza della capacità di Torey Hayden di recuperare alla vita e alla società bambini che sembrano senza speranza, e un richiamo al potere dell'amore e della pazienza.
RECENSIONE:

La scrittrice Torey Hayden è una psicologa dell'educazione, lavora con bambini con problemi. 

martedì 26 maggio 2020

RECENSIONE: Un debito di sangue di Brenda Novak

Se qualcuno commette il delitto perfetto... ci riproverà di nuovo? Per più di un anno, Sebastian Costas ha cercato di scoprire la verità dietro l'omicidio della sua ex moglie e di suo figlio. Nonostante le prove dicano il contrario, infatti, è convinto che il secondo marito della donna, un poliziotto, abbia commesso entrambi i delitti e che poi abbia inscenato la sua stessa morte, così segue le sue tracce fino a Sacramento. Ed è qui che conosce Jane Burke, un'investigatrice privata. Jane è stata sposata con un serial killer e da cinque anni sta tentando di ricostruire la propria vita. Sebastian potrebbe essere l'occasione giusta per ritrovare la felicità... Ma anche l'uomo che stanno cercando è sulle loro tracce. Per lui è una battaglia personale, che è deciso a vincere. Costi quel che costi.
Brenda Novak ci regala un'avventura mozzafiato, un intrigante gioco di specchi, in cui preda e cacciatore si confondono, fino all'ultimo respiro.

RECENSIONE:

Jane  vuole lasciarsi il passato alla spalle, è stata sposata con un serial killer. Jane è una volontaria presso l'associazione Insieme, l'associazione aiuta donne maltrattate o che hanno subito abusi. Jane insieme a Skye e Sheridan sono investigatrici private.

Review Party: Promised di Kiera Cass

Come tutte le ragazze che vivono nel castello di Keresken, Lady Hollis Brite sogna di fare innamorare di sé Jameson, l'affascinante re del regno di Coroa, che sposandola la renderebbe non solo regina, ma una vera e propria leggenda. Quando, inaspettatamente, il giovane regnante si accorge di lei e comincia a corteggiarla con doni stravaganti, Hollis è incredula e lusingata dalle sue attenzioni. Ben presto, però, si rende conto che essere la prescelta non è il sogno che immaginava, soprattutto nell'istante in cui incrocia i penetranti occhi azzurri di Silas, un ragazzo misterioso venuto da lontano, che comincia a farle battere il cuore e le scatena dentro una vera e propria tempesta. Mentre gli sguardi di tutta la corte sono puntati su di lei, Hollis si troverà costretta a scegliere tra la vita che ha sempre desiderato e una vita che non avrebbe mai e poi mai pensato di desiderare. Dopo "The Selection" torna in libreria Kiera Cass. "Promised" e il primo capitolo della saga.

RECENSIONE:

Hollis Brite è una ragazza semplice, a tratti anche ingenua, ha sempre vissuto nel castello a Coroa,non ha mai visto il mondo.
Questa sua semplicità, spontaneità sono  doti che le permettono di attirare le attenzioni del giovane re Jameson. 

Review Party: Non dire una bugia di Alafair Burke

Quando il tuo sguardo è offuscato dall'amore, la verità è la cosa più difficile da vedere.

Ellie Hatcher si è trasferita a New York da poco, e da poco lavora come detective al NYPD. Non ha ancora molta esperienza sul campo, ma il passato le ha già insegnato molto: a Wichita, nel Kansas, è cresciuta con un padre poliziotto che ha dedicato tutta la vita alla caccia di un serial killer, fino a morire in circostanze mai chiarite. Forse assassinato. O, forse, suicida. Anche se Ellie per molti anni si è rifiutata di crederlo.
Un suicidio accertato sembrerebbe invece il caso a cui sta lavorando adesso. Julia, una ragazza di sedici anni, figlia di una ricchissima famiglia dell'élite newyorchese, viene ritrovata nella vasca da bagno con le vene tagliate, nella splendida casa dei suoi genitori nell'Upper East Side. Nonostante il biglietto di addio, alcuni elementi - prime fra tutti le testimonianze di chi la conosceva bene - fanno pensare che non si tratti di un atto volontario. In questi casi Ellie sa di dover seguire il suo istinto, che le farà scoprire ben presto che Julia non era affatto la persona che sembrava. La detective sarà costretta ad ammettere che dietro il suicidio di una ricca adolescente annoiata c'è una storia più complessa e oscura. Perché, a volte, basta una semplice bugia per allontanarci da quelli che ci vogliono bene, e da noi stessi. E Julia, di bugie, ne aveva dette parecchie.

RECENSIONE:


Julia Whitmire  è una ragazza di 16 anni, all'apparenza ha tutto dalla vita, la sua famiglia è benestante, un padre facoltoso, vive in una casa lussuosa a  Manhattan, frequenta una scuola d'elitè. Quando viene trovata morta nella vasca da bagno e lascia un biglietto di addio, la polizia vorrebbe chiudere il caso come suicidio.....ma i genitori di Julia, non demordono, non credono che Julia si sia suicidata, non si sarebbe mai tolta la vita.

giovedì 21 maggio 2020

REVIEW PARTY: Ogni cosa può cambiare… quando meno te l’aspetti di Jill Mansell

Da un lato, se Essie non avesse scritto quella lettera – quella che solo la sua migliore amica doveva vedere – allora sarebbe ancora una vera e propria adulta: all’ombra di Paul, in una vita perfetta nel suo perfetto cottage, forse organizzando anche il loro perfetto matrimonio...
D’altra parte, se i suoi veri sentimenti non avessero preso d’assalto internet per errore, non si sarebbe trasferita in una mansarda, non avrebbe mai incontrato Conor o conosciuto Lucas...
E non si sarebbe mai innamorata di qualcuno di cui non avrebbe mai dovuto innamorarsi...
Essie Phillips aveva tutto quello che poteva desiderare dalla vita, e allora perché si è messa nei pasticci? Non dicono che tutto quello che luccica è oro, giusto?

Il nuovo romanzo di un’autrice che sa deliziare le sue lettrici alternando gioia e commozione, come solo il battito del cuore sa fare. Una lettura che cattura e non ti lascerà neanche dopo l’ultima pagina

RECENSIONE:

Ogni cosa può cambiare… quando meno te l’aspetti di Jill Mansell  è un libro delizioso. 
Ha una trama ricca di emozioni, è un mix di gioie e dolore, ci ritroviamo a ridere a crepapelle e poi voltiamo pagina e iniziamo a piangere.

mercoledì 20 maggio 2020

REVIEW PARTY: Sei tutti i miei sbagli di Penelope Ward

Dopo essere stata scaricata dal suo ex, Chelsea Jameson non desiderava altro che pace e tranquillità per curarsi le ferite. E invece si ritrova a fare i conti con un nuovo, insopportabile vicino di casa: non solo Damien ha due cani che abbaiano in continuazione, ma assomiglia anche in modo fastidioso all’uomo che le ha spezzato il cuore. L’unica possibilità per Chelsea è ignorarlo, far finta che non esista. E ci riesce alla grande, almeno fino a quando una notte non lo sente ridere dall’altra parte del muro nella sua camera da letto e realizza con orrore che il vicino ha appena ascoltato l’intera sessione telefonica di Chelsea con il suo terapista. Una sessione, neanche a dirlo, in cui spiattellava ad alta voce tutti i suoi segreti più inconfessabili. Da quel momento Damien si sente autorizzato a sommergerla di pareri non richiesti sulla sua vita sentimentale. Il problema è che più passa il tempo e più Chelsea, suo malgrado, si rende conto di essere attratta da lui. Se vuole proteggere il suo cuore già duramente messo alla prova, deve stare molto attenta a non lasciarsi coinvolgere…
Autrice bestseller di «New York Times», «USA Today» e «Wall Street Journal»
Chelsea non aveva idea che Damien, il nuovo vicino, potesse sentire le sue telefonate attraverso il muro...
«Una storia che ti travolge sin dalle prime righe e ti tiene ostaggio di emozioni molto forti.»
«Un gioello di romanzo, una lettura davvero meravigliosa.»
«Avete presente l’euforia che provi quando hai finito di leggere una storia fenomenale? Ecco, è quello che sto provando io dopo aver letto Sei tutti i miei sbagli

RECENSIONE:

Tutte le volte che inizio a leggere un libro della Ward, mi prometto di leggere con calma, di gustarmi la lettura....invece come inizio a leggere, vengo risucchiata nelle sue pagine e come inizio lo finisco.

martedì 19 maggio 2020

Review Party: La grazia dei re Dinastia del dente di leone di Ken Liu

L'Imperatore Mapidéré è stato il primo a unire i diversi regni dell'arcipelago di Dara sotto il dominio della sua isola d'origine, Xana. Dopo ventitré anni, tuttavia, l'Impero di Xana mostra segni di debolezza. Mapidéré è sul letto di morte, i suoi consiglieri complottano mirando ciascuno al proprio interesse, persino gli dèi sembrano adirati. Come se non bastasse, decenni di crudeli angherie e di dispotico potere hanno fatto sì che la popolazione non abbia nulla da perdere da una rivolta, ma molto da guadagnare.
È questo il mondo in cui vivono Kuni Garu, un affascinante perditempo poco propenso alla vita onesta, e Mata Zyndu, l'impavido figlio di un duca deposto, discendente di una nobile stirpe particolarmente colpita dalla ferocia di Mapidéré, che ha giurato di vendicarsi. Sembrano l'uno l'opposto dell'altro, ma durante la ribellione contro il potere imperiale i loro sentieri si incrociano in modo imprevedibile: diventano amici inseparabili, fratelli, e insieme combattono contro immensi eserciti, serici vascelli volanti, libri magici e divinità dalle forme mutevoli. Ma una volta che l'imperatore è stato rovesciato, Kuni e Mata si trovano a capeggiare fazioni rivali, con idee molto diverse su come si dovrebbe guidare il mondo, e su cosa sia la giustizia.

RECENSIONE:

La grazia dei re Dinastia del dente di leone di Ken Liu racconta una storia molto interessante. 

Review Party: Non sprecare il tempo, non sprecare l'amore di Ann Napolitano

È una mattina d'estate quando Edward Adler, dodici anni, suo fratello e i suoi genitori partono dall'aeroporto di Newark per raggiungere Los Angeles, dove li attende una nuova vita. Tra i 187 passeggeri ci sono una giovane promessa di Wall Street, una ragazza che ha appena scoperto di essere incinta, un veterano di ritorno dall'Afghanistan, un anziano tycoon della finanza e una donna che sta scappando da un marito opprimente. Le loro vite, come spesso capita in queste occasioni, iniziano a entrare in contatto.
Ma il volo su cui viaggiano non arriverà mai a destinazione e il piccolo Edward sarà l'unico sopravvissuto al disastro.
"Caro Edward…" Iniziano così le e-mail e le lettere che persone da tutto il paese inviano all'indirizzo dei suoi zii, dove "il ragazzo miracolato" - come lo definisce la stampa - è andato ad abitare. La sua storia cattura l'interesse di un'intera nazione mentre Edward combatte per stare al mondo senza la sua famiglia. Una parte di lui è rimasta in cielo, con i suoi compagni di viaggio.
Con una forza emotiva e una profondità dirompenti, Non sprecare il tempo, non sprecare l'amore è più di un grande romanzo: è una meditazione sulla vita, l'incontro con un cast di personaggi difficili da dimenticare e una riflessione sui modi sorprendenti in cui un cuore a pezzi impara ad amare di nuovo.

RECENSIONE:

Quando si ha 12 anni l'unico pensiero dovrebbe essere la spensieratezza, giocare con gli amici e ovvio la scuola. Purtroppo per Edward Adler così non è...
La sua famiglia si deve trasferire  da New York a Los Angels, per il lavoro di sua madre, sceneggiatrice di tefelefilm.

lunedì 18 maggio 2020

Review Party: Falce di Neal Shusterman

Un mondo senza fame, senza guerre, senza povertà, senza malattie. Un mondo senza morte. Un mondo in cui l'umanità è riuscita a sconfiggere i suoi incubi peggiori.A occuparsi di tutte le necessità della razza umana è il Thunderhead, un'immensa, onnisciente e onnipotente intelligenza artificiale. Il Thunderhead non sbaglia mai, e soprattutto non ha sentimenti, né rimorsi, né rimpianti. uello in cui vivono i due adolescenti Citra Terranova e Rowan Damisch è davvero un mondo perfetto. O così appare. e nessuno muore più, infatti, tenere la pressione demografica sotto controllo diventa un vincolo ineluttabile. Anche l'efficienza del Thunderhead ha dei limiti e non può provvedere alle esigenze di una popolazione in continua crescita. Per questo ogni anno un certo numero di persone deve essere "spigolato". In termini meno poetici: ucciso. l delicato quanto cruciale incarico è affidato alle cosiddette falci, le uniche a poter decidere quali vite devono finire. Quando la Compagnia delle falci decide di reclutare nuovi membri, il Venerando Maestro Faraday sceglie come apprendisti proprio Citra e Rowan. Schietti, coraggiosi, onesti, i due ragazzi non ne vogliono sapere di diventare degli assassini. E questo fa di loro delle falci potenzialmente perfette.

RECENSIONE:

Non so da dove iniziare a descrivervi quanto questo libro mi è piaciuto.