giovedì 14 febbraio 2019

RECENSIONE: Non dimenticare di B. A. Paris


Erano giovani, impulsivi e innamorati. Si conoscevano da pochi mesi, eppure erano certi che sarebbero rimasti insieme per sempre. Poi c’era stata quella vacanza in Francia. Durante il viaggio di ritorno, Finn si è fermato a una stazione di servizio e, per qualche minuto, ha lasciato Layla sola in macchina. Quando è tornato, lei era scomparsa. Questo è ciò che Finn ha raccontato alla polizia. Ed è la verità. Ma non è tutta la verità… Dodici anni dopo, Finn è un uomo diverso, più maturo e sicuro di sé. Sebbene il ricordo del suo primo amore non lo abbia mai abbandonato, lui ormai si è costruito una nuova vita, trovando conforto tra le braccia di Ellen, la sorella di Layla. Insieme, i due sono riusciti a esorcizzare il passato, si sono trasferiti fuori città e adesso hanno deciso di sposarsi. Ma, all’improvviso, la serenità di Finn viene turbata da due episodi inquietanti. Prima la telefonata del suo anziano ex vicino, che sostiene di aver visto una donna identica a Layla aggirarsi nel quartiere. Poi, la sera, Ellen che stringe tra le mani la bambola più piccola di un set di matrioske. Lei dice di averla trovata sul marciapiede, davanti al vialetto d’ingresso. Per Finn, quell’oggetto ha un significato preciso. Possibile che Layla sia tornata? Possibile che la sua paura peggiore stia per diventare realtà? E il dubbio che qualcuno abbia scoperto il suo segreto si trasforma in ossessione quando lui stesso trova un’altra piccola bambola sul muretto di casa. E un’altra ancora sul cofano dell’auto, qualche giorno dopo. E questo è solo l’inizio…

RECENSIONE:


Finn e Layla ci sono conosciuto quando lui aveva 27 anni e lei 18.
Layla si è da poco trasferita a Londra dalla Scozia, in Scozia Layla ha lasciato un passato che vuole dimenticare. 
Finn è molto bravo nel suo lavoro, ma ha un carattere scontroso, ma per Layla è un principe azzurro infatti Finn le ha offerto un tetto, quando Layla non riusciva a trovarlo. 
Una sistemazione per Layla che doveva essere provvisoria si trasforma in qualcosa di più duraturo quando Finn si innamora di lei.  
Layla che non sa cosa vuole dire sentirsi amata e desiderata, si lascia trascinare dall'amore di Finn.

martedì 12 febbraio 2019

II Tappa BLOGTOUR: In un solo grammo di cielo di Chiara Iezzi - Disturbi alimentari

Emily l’ombrosa. Emily la solitaria della 4B. Emily la silenziosa dai capelli rosso fuoco. Nessuno, tranne lei, sa cosa si prova ad aver perso i genitori in un incidente stradale di cui è stata l’unica sopravvissuta. E nessuno può immaginare come ci si senta ad avere diciassette anni e vivere sotto lo stesso tetto con Milda, la zia acquisita, una macellaia dai modi burberi che la tratta come una novella Cenerentola, e in compagnia di sua figlia Greta, una ragazza che è l’esatto contrario di Emily: popolare a scuola, formosa, spregiudicata.
Tutto sembra destinato a rimanere così com’è, fin quando un giorno Emily – che da tempo mangia ormai troppo poco – perde le forze e viene affidata alle cure di un centro per ragazze con disturbi alimentari.
Lì, tra amicizie, inimicizie e nuove esperienze, scopre di avere dentro un’energia pronta a esplodere. Spetterà a lei decidere cosa farne: spingersi ancora di più verso il baratro o affrontare finalmente se stessa?
Chiara Iezzi scrive un romanzo sorprendente, in cui la protagonista ha la potenza dell’eroina di una fiaba, e il male esiste e si presenta con diverse forme. Ma può anche essere combattuto.

 
Emilia Rizzi anzi Emily come vuole essere chiamata lei, in onore di Emily Dickinson, la sua poetessa preferita, all’età di 11 anni purtroppo perde i genitori, va a vivere con Milda e sua figlia Greta, le uniche parenti rimaste. Emily dopo la morte dei suoi genitori si chiude in se stessa, decide di non parlare più e inizia a contare le calorie dei cibi che mangia, lei dice che non è anoressica, lei vuole semplicemente restare così com’è, non  vuole mettere su neanche un grammo..

REVIEW PARTY: Alita. Angelo della battaglia di Pat Cadigan


26° secolo. La Città di Ferro è un luogo senza speranza. Nella discarica di rottami, una giornata sta per terminare come tutte le altre quando il dottor Ido trova il corpo semidistrutto e apparentemente senza vita di una ragazza cyborg, costruito con una tecnologia sofisticatissima ormai perduta nella notte dei tempi. La convinzione che in lei risiedano l'anima e il cuore di una combattente dal passato straordinario spingono il dottore a cercare di riportarla in vita donandole un nuovo corpo e un nome: Alita. Al risveglio, la ragazza non ha alcuna memoria del suo passato e non conosce nulla del suo presente, anche se sente dentro di sé una forza immensa che preme per esplodere. Il dottor Ido lo sa e, proprio come un padre, cerca di proteggere Alita non solo dalla violenza, dall'ingiustizia e dalla corruzione che imperversano nella Città di Ferro, ma anche dalla stessa potenza distruttrice che la ragazza nasconde in sé. Ma il passato non si può dimenticare e, grazie all'amore per il ribelle Hugo, Alita ritrova la sua vera identità e decide di impiegare tutta la sua potenza per combattere il male. Come un angelo della battaglia, pronto a vegliare sui giusti e a lottare al fianco dei più deboli per un mondo migliore.

RECENSIONE:

Il cyber-chirurgo Dyson Ido dopo una lunga giornata passata a curare i suoi pazienti della sua clinica, quando il sole tramonta va nella discarica di Zalem per scavare sotto una pila di rifiuti. Cerca qualcosa di recuperabile.

lunedì 11 febbraio 2019

REVIEW PARTY : Donna perfetta di Magda Stachula


Bella, colta, indipendente, Anita ha trent'anni e una vita apparentemente perfetta. Finché il suo matrimonio con Adam non entra in crisi: i due non riescono ad avere un figlio, e poco a poco quello che per Adam è un desiderio, per Anita diventa una vera e propria ossessione. Lavorando su internet, Anita non esce quasi più di casa e passa le giornate cercando online giocattoli e vestitini per il suo bambino. Bambino che però, nonostante le cure per la fertilità consigliate dalla ginecologa, continua a non arrivare. La sua unica distrazione ormai è spiare il mondo esterno attraverso l'occhio delle webcam situate nelle varie città. Intanto Adam, esasperato dagli sbalzi di umore e dagli improvvisi scatti di rabbia della moglie, passa sempre più tempo fuori casa e cerca consolazione altrove. Finché nell'appartamento cominciano a succedere cose strane... Anita trova un vestito nell'armadio che non ricorda di aver mai avuto: è sicura che non sia suo. E di lì a poco, nella sua borsa, compare un rossetto. A chi appartengono quegli oggetti? Suo marito ha portato in casa un'altra donna? Oppure è tutto frutto della sua paranoia, come sostiene Adam? Sta impazzendo, o davvero qualcuno sta tentando di insinuarsi nella sua vita facendo leva sulle sue insicurezze?

RECENSIONE:

Anita e Adam sono sposati da qualche anno, sono una bellissima coppia, si potrebbe invidiarli, sono belli, si amano. 
Da circa due anni cercano di avere un figlio, ma purtroppo ogni mese il risultato è sempre negativo.... questo fatto pian piano li allontana.

mercoledì 6 febbraio 2019

BLOGTOUR: Bird Box di Josh Malerman - RECENSIONE

Là fuori, in un mondo dove nessuna certezza è più tale, c'è qualcosa di terrificante. Qualcosa che non deve essere visto. Chi è così folle da tenere gli occhi aperti va incontro a un destino spaventoso. Cinque anni dopo i primi episodi di terrore, pochi sono rimasti a popolare la terra. Vivono bendati, in una cecità autoimposta che li confina in un'oscurità perenne, in case buie e polverose con porte e finestre sprangate. Nessuno di loro ricorda di che colore è il cielo, com'è fatta una nuvola, quanto può abbagliare la luce del sole. Come Malorie che, rimasta sola con i suoi due bambini, ha soltanto una speranza: attraversare il fiume, bendata, e raggiungere un luogo dove alcuni uomini stanno combattendo contro quel male senza nome. Ha aspettato tanto perché sa che il fiume, a un certo punto del percorso, si divide in quattro canali. E, per scegliere quello giusto, Malorie dovrà fare qualcosa che non fa da anni: aprire gli occhi. E sfidare la sua stessa mente per non cedere alla follia. Tra La strada di McCarthy e l'immaginario di Stephen King, un debutto acclamatissimo negli Stati Uniti, la cui sottile e persistente inquietudine resterà con voi molto, molto a lungo.


RECENSIONE:

Immaginate un mondo dove per sopravvivere non potete guardare il mondo che vi circonda, le persone con cui parlate, ecco questo è il mondo di Bird Box, dove è assolutamente vietato, tenere gli occhi aperti, almeno al di fuori della propria casa o in un luogo sicuro...dove appunto non dovete vedere le creature malvagie. Basta un solo sguardo, a queste creature, che se viste fanno impazzire e portano al suicidio.

martedì 5 febbraio 2019

RECENSIONE: Il dottore di Varsavia di Elisabeth Gifford


Varsavia, 1937. Quando Misha, giovane studente ebreo, assiste per la prima volta a una lezione del brillante dottor Korczac, capisce subito che il suo destino è diventare un insegnante. Celebre in tutto il Paese per i suoi rivoluzionari metodi educativi, Korczac - che non si è mai sposato e non ha avuto figli - fa da padre ai 200 bambini che vivono nel suo orfanotrofio, crescendoli all'insegna della comprensione e della libertà di pensiero. Contro il parere della famiglia, Misha si offre come volontario nell'istituto e intanto, proprio sui banchi della facoltà di pedagogia, incrocia lo sguardo limpido di Sophia, una bellissima studentessa che condivide i suoi sogni. Finché un giorno uno striscione minaccioso compare sull'ingresso: "Via gli ebrei dall'università". Le lezioni del dottore si interrompono bruscamente, e mentre un muro di mattoni separa il ghetto dal resto della città invasa dai nazisti, Misha e Korczac rischiano ogni giorno la vita per procurarsi scorte di cibo e garantire la sopravvivenza ai bambini. Quando i venti di guerra travolgono Varsavia, Sophia, che con i suoi capelli biondi può spacciarsi per ariana, è l'unica ad avere una possibilità di fuga. Ma che ne sarà di Misha, Korczac e dei loro bambini? Nel ghetto di Varsavia vivevano 400.000 ebrei. Solo uno su cento riuscì a sopravvivere. Questo romanzo si basa sulla storia vera di Misha e Sophia, e sul diario di uno dei più grandi uomini dell'epoca: il dottor Janusz Korczac.

RECENSIONE:

Misha è un ragazzo ebreo che frequenta l'università e lavora presso l’orfanotrofio del Dottor Korczak. 
Un giorno vede una ragazza bellissima, subito ne rimane affascinato, la ragazza si chiama Sophia.

lunedì 4 febbraio 2019

Review Tour: Mi Arrendo di Monica James


Singapore ha strappato un pezzo di Ava Thompson, e se l’è tenuto.
Un istante è stato sufficiente a stravolgerle l’esistenza e si è resa conto che il suo ex non era l’uomo che credeva fosse.
Tornare a Los Angeles non sarà facile, perché “il suo cuore è stato maciullato, masticato e risputato all’infinito”, ed è convinta che le ferite non si rimargineranno più.
O, forse, non è così.
Jasper White entra in scena.
Ava ignora che sarà lui, in realtà, a cambiare la sua vita per sempre.
L’attrazione tra loro è istantanea, ma Ava la rifugge perché non vuole più avere nulla a che fare con gli uomini. Resistere a Jasper, però – con quei capelli spettinati “da sesso” e quei penetranti occhi cerulei –, è molto più difficile di quel che immagina.
Perché Jasper sa quello che vuole… e vuole lei.
Riuscirà Ava ad arrendersi ai sentimenti che prova per l’uomo che le sta imponendo di riaprire il suo cuore e amare di nuovo? E se l’amore non fosse abbastanza?

RECENSIONE:


Ava Thompson ha 22 anni, è sicura di avere già tutto dalla vita. 
Ha l'amore della sua vita, per lui ha lasciato Los Angels per trasferirsi a Singapore, ha messo da parte il suo sogno, di diventare una famosa chef. 
Ma una sera dopo 4 anni il suo ragazzo, Harper, la lascia. 
La lascia in un bar affollato, le dice che dopo 4 anni non vede un futuro per loro, che non l'ama più e che non può stare con una persona che non ha obbiettivi nella vita.

I TAPPA BLOGTOUR: You di Caroline Kepnes - Presentazione e cover a confronto "Tu". Quando l'Italia ha conosciuto Caroline Kepnes


Ciao 
a tutte e tutti.
Oggi parte il Blogtour dedicato al libro You di Caroline Kepnes.
La mia tappa vi farà conoscere la trama e vi farà vedere  le cover straniere.
Io ho letto  il libro e visto anche il telefilm...una lettura, inquinante, ma imperdibile.....

Basta una mano che chiude con gentilezza la porta della libreria per non farla sbattere, basta la scelta di un libro né troppo sofisticato né troppo sciocco, basta un maglione a V senza reggiseno, ed ecco che la fantasia di Joe si mette in moto. Joe è un libraio dell'East Village, ama il suo lavoro e ha una personalissima idea sui libri che bisognerebbe leggere, e poi ha un certo occhio per i suoi clienti. Non gli può sfuggire la giovane, carina, sessualmente provocante Guinevere Beck, aspirante scrittrice che ha appena varcato la soglia e ora vaga tra gli scaffali rifugiandosi tra la F e la K, lanciando dietro di sé un sorrisetto malizioso. Beck è tutto ciò che Joe ha sempre desiderato: glaciale e al contempo più sexy di qualsiasi fantasia estrema, ha l'aria da dura, e racconta un sacco di bugie che la rendono misteriosa e ancora più affascinante. 

sabato 2 febbraio 2019

Review Party Unpopular di Freya Dakets

Zoe è una ragazza sarcastica e nerd che ama incasellare le persone in categorie. Per lei esistono i nerd, le cheerleader senza cervello e i giocatori di football che considera degli "scimmioni con un ego smisurato". Quando però si trasferisce in una nuova città, a casa del nuovo compagno della madre, è costretta a cambiare il suo punto di vista. Il suo fratellastro, Kyle, è un giocatore di football che non fa che combinarle scherzi. Zoe passerà gran parte del suo tempo con lui e i suoi migliori amici, nonché compagni di squadra: Logan, Dave e Seth. Dopo l'odio iniziale, grazie a loro capirà che nessuno è come si mostra all'esterno.

RECENSIONE:

Zoe Caroline Jane Martin sta per iniziare il suo ultimo anno di liceo, ma in una nuova scuola e città Peoria.
Lei è sua madre, Marta, infatti si trasferiscono dal nuovo compagno della madre, Max avvocato.
Max ha un figlio,Kyle (o cavernicolo come lo soprannomina Zoe) ,della stessa età di Zoe che gioca a football....Zoe non sopporta i giocatori di football....
Come arriva nella sua nuova città Zoe, la prima tappa la porta in biblioteca, ama molto leggere e scrivere anche storie che pubblica su wattpad.

martedì 29 gennaio 2019

REVIEW PARTY: Mi ricorderò di te di Paloma Sánchez-Garnica


Madrid. Una donna che custodisce un segreto. Una famiglia segnata dalla menzogna. Un perdono arrivato troppo tardi. Da bambina, Carlota pensava che tutti i papà, la sera, andassero a dormire fuori casa. D'altra parte è quello che faceva il suo, di padre, da sempre. Ma quando, a dodici anni, sua madre le confessò la verità su di lui - che non era solo "suo" padre, che lei era una bambina illegittima, che la loro non era una famiglia vera -, la vita di Carlota cambiò irrimediabilmente. La parola "bastarda" divenne il suo stigma. E "famiglia" per lei non significò mai più la stessa cosa. Sono passati molti anni e Carlota si porta ancora dentro il peso del rifiuto e della delusione. È per questo che, quando riceve la chiamata al capezzale di suo padre ormai moribondo, sarà costretta a scegliere tra il desiderio di sapere e l'abitudine, ormai la necessità, di odiare quell'uomo che le ha rovinato la vita. Finirà per scoprire una storia inimmaginabile di amore, sofferenza, perdono e segreti. Una storia che le farà capire molto di più su quel padre troppo lontano. Perché le azioni degli altri non sempre si possono giudicare se non si conoscono le ragioni del loro cuore.

RECENSIONE:

Mi ricorderò di te di Paloma Sánchez-Garnica è un libro ricco di sentimenti, di una storia dove i segreti segnano la vita dei protagonisti,.
La narrazione è perfetta, è uno di quei libri che una volta concluso ci fa compagnia per lungo tempo.
E' un libro di donne che hanno cambiato il loro destino e anche quello dei loro figli e hanno influenzato la vita di molte persone....