giovedì 7 maggio 2015

The Heir di Kiera Cass

Sono passati vent’anni da quando America Singer ha partecipato alla Selezione e conquistato il cuore del principe Maxon. Ora, nel regno di Illea, è tempo di dare inizio a una nuova Selezione. E questa volta sarà la giovane principessa Eadlyn a scegliere tra i trentacinque pretendenti arrivati a Palazzo. L’idea che la competizione possa regalarle la stessa favola d’amore dei suoi genitori non la sfiora nemmeno. Ma scoprirà presto che il suo lieto fine non è poi così impossibile come aveva pensato.
Casa Editrice: Sperling & Kupfer
Pagine: 348
Listino: E 17,90
Data Pubblicazione: 5 maggio 2015




RECENSIONE: 


Mi guardai intorno senza farmi notare. Troppi estranei. Troppi occhi puntanti. Fosse stato per me, avremmo potuto chiudere la Selezione.
Dovevo resistere tre mesi. Tre mesi mi avrebbero dato la libertà. Potevo farcela. Dovevo farcela.


Sono trascorsi 20 anni dalla selezione di America e Maxon, ora li ritroviamo felicemente sposati e a coronare il loro amore sono nati 4 figli, la primogenita Eadlyn per soli 7 minuti ha diritto al trono, sarà lei che succederà a Maxon. Dopo alcune guerriglie tra il popolo, Maxon decide per cercare di calmare gli animi del popolo, di indire una nuova Selezione, stavolta però i partecipanti saranno tutti maschi visto che chi deve scegliere e Eadlyn, all’inizio lei non vuole la Selezione, perché non vuole sposarsi, vuole governare da sola, convinta di avere un carattere forte crede di non aver bisogno di nessuno, si è costruita un muro intorno a lei ma grazie alla Selezione si renderà conto, che il muro che si è costruita non è segno di forza ma di paura. 
Eadlyn pur avendo solo 18 anni ha molte pressioni, suo padre è stato un ottimo re e lei vorrebbe essere brava quanto lo è lui, quello che capirà durante la Selezione è che devi avere anche un cuore e non solo forza…. infondo la forza deriva dal cuore
Mi ha fatto piacere trovare di nuovo America e Maxon, scoprire cosa succedeva nella loro vita dopo la fine della loro Selezione, li troviamo più innamorati che mai. Altra sorpresa la Selezione se nella prima siamo state spettatrici, grazie ad America, della parte delle partecipanti in questa nuova selezione viviamo le paure, i dubbi e le insicurezze di chi deve scegliere, e credetemi non vorremmo mai e poi mai trovarci al posto di Eadlyn.
Sinceramente all’inizio avevo un po’ di paura a leggere questa nuova Selezione, pensavo che la scrittrice voleva approfittare del successo della trilogia con America, credevo che THE HEIR sarebbe stato una delusione, mi sono ricreduta dall’inizio l’unica cosa che accomuna i libri è la Selezione e la scrittura della scrittrice che è sempre scorrevole e deliziosa, ma il resto e davvero nuovo e sorprendente infatti la Cass è riuscita a sorprendermi scrivendo questa nuova emozionante storia, perché credetemi è impossibile annoiarsi o anche solo immaginare di lasciare il libro, la storia è davvero ben scritta e ricca di emozioni. Eadlyn si trova davanti  alla scoperta di se stessa più ai problemi delle guerriglie del popolo e per la prima volta inizia a affezionarci a qualcuno che non fa parte della sua famiglia, insomma in poche parole un libro davvero coinvolgente. 

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic    

3 commenti:

  1. Ho letto il primo libro volentieri! Mi mancano le altre due uff .. mi ricordo che mi è piaciuto molto! Devo assolutamente andare alla ricerca degli altri due libri!
    Complimenti per la tua recensione ^^.
    presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo se possibile è più bello della trilogia con America

      Elimina
  2. Io purtroppo devo dire che ho amato la prima trilogia, ma questo e i libri che seguiranno non sono riusciti a farsi strada nel mio cuore. O meglio, mi è piaciuto, ovvio, ma Eadlyn proprio non mi andava a genio e credo fosse anche per alcune sue stilettate subito a inizio libro che me l'hanno immediatamente fatta trattare con freddezza... Credo però che questo libro sia stato comunque bello per il contorno di Eadlyn, cioè per tutti quei personaggi più o meno importanti che si muovevano intorno a lei e che valgono il libro, per me, perchè si distinguono tutti e sono ben caratterizzati al punto da essermi entrati nel cuore con più facilità della futura regina, che invece ne è rimasta inevitabilmente chiusa fuori, al fredo e senza neanche una coperta con cui riscaldarsi (?).
    Se ti va di leggere la mia recensione in cui esplicito tutti i miei randomici pensieri su questo controverso libro puoi fare un salto sul mio blog: Raggywords: Recensione The Heir - Kiera Cass.
    Mi scuso per l'eventuale spam indesiderato.
    Saluti,
    Rainy

    RispondiElimina