martedì 1 luglio 2014

Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Sono passati due anni da quando Conrad ha detto a Belly di mettersi con suo fratello. Da allora, lei e Jeremiah sono stati inseparabili. Ma la loro relazione non è felice come dovrebbe. Infatti, quando Jeremiah commette il peggiore errore che un ragazzo può commettere, Belly è costretta a chiedersi se quello sia davvero il grande amore. Davvero Jeremiah è li ragazzo giusto? Davvero lei ha smesso di amare Conrad?
Listino Cartaceo:€ 12,90
Listino ebook: € 6,99
Casa Editrice:Piemme
Data uscita:01/07/2014
Pagine:308







Non mi regalò fiori o cioccolatini. Mi regalò la luna e le stelle. L’Infinito.

Ho appena chiuso il libro Per noi sarà sempre estate, l’emozione che provo è di tristezza, malinconia per avere letto troppo in fretta questo libro, già mi manca, il pensiero che non potrò leggere più di Belly, di Conrad e di Jeremiah è uno strappo al cuore, si perché questa storia così dolce e delicata mi ha stregato il cuore. La scrittrice ha scritto questa storia con il cuore, riversando tutte l’emozioni del primo amore, della speranza e delle paure, tutte sensazioni che mentre si legge questa trilogia affiorano tutte.
In questo libro Jenny Han ha rivoluzionato i caratteri dei personaggi, Jeremiah ci rendiamo conto che non è  cosi dolce, premuroso e perfetto come crediamo è un ragazzo anzi un bimbo viziato, che se non ottiene quello che vuole come tutti i bimbi pesta i piedi.
Conrad oh il mio amato Conrad(si l’ ho sempre avuto nel cuore) sentivo che dietro i suoi silenzi e il suo “menefreghismo” si nascondevo molto altro , infatti non mi sono sbagliata, è un ragazzo molto sensibile nasconde questa sua qualità dietro una corazza dura e fredda, ma si sa che a forza di portare questa corazza un giorno o l’altro inizia a pesare
Belly non ho mai creduto che fosse divisa tra i due fratelli, secondo me lei ha sempre saputo cosa e chi voleva, ma quando ti trovi davanti un muro e provi a buttarlo giù, ma se il “muro” non vuole rompersi ti devi adeguare, lo so è sbagliato, perché bisogna lottare a 18-19 anni in fondo non si è maturi abbastanza e Conrad ammettiamolo, non ha il più facile dei caratteri
.

Il fatto che tu seppellisca qualcosa, però, non significa che questa cosa smette di esistere. Questi sentimenti non se ne erano mai andati. Erano rimasti nascosti per quel tempo.

Per chi non avesse ancora iniziato questa trilogia, consiglio di rimediare al più presto, rimarrà incantata e incollata a tutti i libri. Parla di sole, di mare e del primo amore ma lo fa con una dolcezza e una delicatezza davvero unica e meravigliosa, che una volta finita viene subito voglia di ricominciare a rileggerla di nuovo per vedere e carpire piccoli gesti che magari per la fretta della prima lettura erano scappati. Davvero unica spero di leggere presto altri libri della Han mi ha davvero incantata e conquistata. La sua scrittura è vero è semplice ma in fondo sono le cose semplici che rimangono nel cuore per sempre…..
 

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

2 commenti:

  1. ho letto il primo (grazie) mi è piaciuto molto, recupero gli altri due e vengo a leggere le recensioni!

    RispondiElimina